9 luglio 2013

St(r)agisti

Lo so, il gioco di parole è abusato. Per cui mi sento autorizzata a utilizzarlo anche io.
(Un saluto a Bitmover che ci manca)

- Gentile St(r)agista, che ci hai inoltrato da parte dell'Autore i testi del suo ultimo libro, senza accorgerti che alla fine c'era scritto - in rosso, a caratteri cubitali - "ATTENZIONE! Il materiale va riorganizzato, con particolare riferimento alle note" - e quando te l'ho fatto notare sei caduto dal pero, poi mi hai detto che avresti contattato tu l'Autore e mi avresti fatto sapere, e quando dopo 3 giorni ti ho chiesto se ci fossero novità mi hai detto che l'Autore ci avrebbe dato notizie entro fine settimana, e quando alla fine della settimana sono tornata a bomba mi hai detto che l'Autore nicchiava, e dopo molte insistenze mi hai dato il suo indirizzo email, e visto che alle email non rispondeva dopo molte altre insistenze mi hai dato un numero di telefono dicendomi che avevi già provato a contattarlo ma senza successo, e di provarci io perché se avessi fatto tu da tramite avremmo perso tempo (alla buon'ora), sappi:
1) che l'Autore mi ha risposto al telefono immediatamente, al primo tentativo;
2) che ignorava che tu ci avessi girato i testi del suo ultimo libro, e anzi mi ha chiesto di leggergli l'incipit per essere sicuro "che vi sia arrivato il file corretto";
3) che da anni non utilizza più l'indirizzo email che mi avevi fornito, e pertanto ignorava chi fossi e cosa volessi;
4) che a quanto pare nessuno gli aveva comunicato quando pensavamo di far uscire il suo libro.
Sappi tutto ciò, e tràine le debite conclusioni.
Attento solo a non dare testate contro un muro portante.

16 commenti :

  1. Dizzzzionario9 luglio 2013 10:19

    st(r)agista, s. m. e f.: tipo particolarmente pernicioso di utOnto che le aziende dovrebbero evitare di assumere senza se e senza ma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...peccato che adesso assumano solo quelli.

      (Io comunque non ero così imbranata da puciacchina.)

      (Ero peggio.)

      Elimina
  2. Ecco perché sono anni che rifiuto di accollarmi gli st(r)agisti nella mia azienda: sono un danno permanente e irreversibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, in questo caso purtroppo trattasi (presente continuativo, ohimé) di St(r)agista di Altra_Azienda, per cui non lo si può invitare a prendersi una lunga vacanza nell'esotica Fanghul.

      Elimina
  3. Ma come!! Valeren ti ha suggerito una linea d'azione, anzi te l'ha ingiunta e tu disattendi i suoi ordini!
    Gentile stragista, tu hai fatto così e cosà, io ti disprezzo e l'autore è orripilato. Saluto il mio capo, il tuo capo e l'AD che ci leggono in copia.
    Eddai!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, ma quello l'ho fatto, ovviamente :) Del resto, gli ordini del Dittatore non si discutono, si eseguono.

      Elimina
    2. Uh... Brave brave, visto che imparate significa che siete degne di fiducia.

      Avrò certamente un incarico importante per voi, e non prevede stRagisti.
      Oppure si ma potrete dispoorne come volete nelle segrete.
      Lascio a voi.

      Elimina
    3. La cosa si fa interessante :D

      Elimina
  4. Spezzo una lancia in favore degli stagisti... Non tutti sono disastri!

    :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'eccezione conferma la regola :P

      (Sicuramente ci sono bravi stagisti, poi ci sono gli st(r)agisti, appunto)

      Elimina
    2. Se sono stRagisti, allora sono disastri!
      Specialmente per chi dovrà mettere a posto :p

      Elimina
  5. Eh, quelli sono un problema non da poco.
    Gli stRagisti intendo.

    Spesso sono al primo lavoro post scuola o vengono da tutt'altra attività.
    In ogni caso, tendono ad essere terrorizzati dall'idea di sbagliare - perché al primo errore sei fuori e non ti rinnoviamo.
    Quindi cosa fanno?
    Il meno possibile, se rischioso: ho mandato la cartelletta sbagliata?
    Beh, io comincio a mandare mail [ che non c'è contatto diretto ] e al telefono guardacaso non risponde mai nessuno.
    Alla lunga tutti dimenticheranno, o qualcuno verrà in mio soccorso o meglio ancora farà un errore e sarà un problema suo.

    Non sempre è così, certo, ma ma il trend è fortemente negativo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, in effetti la mancanza di iniziativa è in genere impressionante.

      A difesa della categoria, va detto che - sempre in genere - ai poveretti vengono affidati compiti da schiavetto, tipo fare le fotocopie, che lasciano obiettivamente poco spazio all'iniziativa personale.

      (Poi sbagliano pure a fare le fotocopie, cosa che venendo da studi universitari dovrebbero saper fare a occhi chiusi, ma vabbeh)

      Elimina
    2. Diciamo comunque che questo qui più che fare niente faceva sfracelli quindi, boh, alla faccia del self-handicapping, magari fosse così!

      Elimina
  6. AHAHAH "e pertanto ignorava chi fossi e cosa volessi" è la parte migliore!
    Stampo e attacco sul comodino, grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma prego, figurati, piacere mio (beh 'piacere' in senso relativo)

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.