3 novembre 2011

Felice notte, venerabile Jorge

Lentamente ma inesorabilmente, per il fatto che è anche responsabile dell'archivio, JaneDoe si sta trasformando in una bibliotecaria.
(Stante il fatto che è una delle persone più disordinate del mondo, questa forse non è la migliore delle opzioni. Ma tant'è.)

Ieri:
Collega: JaneDoe, c'è qui una ragazza che deve ritirare un libro antico...
JaneDoe: °__°
Collega: ...non ne sai niente? L'ho portata da te perché so che sei tu la responsabile dell'archivio...
[segue giro di telefonate per capire quale fosse questo "libro antico" e dove la ragazza sperduta dovesse essere *ahem* mandata]

Oggi:
CollegaRandom: JaneDoe, abbiamo in archivio il libro Tale?
JaneDoe: Sì, prendilo tu stesso, ti spiace? E' nella ex-stanza di CollegaInPensione.
CollegaRandom: °__° quale stanza intendi?
[segue spiegazione topografica delle collocazione di ex-colleghi nelle stanze dell'ufficio]
JaneDoe: ... e devi farti aprire la stanza da CollegaPietro, che ha le chiavi.
CollegaRandom: °__° ...ma se CollegaInPensione è in pensione da più di un anno, perché quella stanza la chiamate ancora così?
JaneDoe: Perché se la chiamo "Finis Africae", nessuno mi capisce.

(Ora brucio dal desiderio di appiccicare sulla porta un cartello con scritto "Finis Africae"; meglio ancora sarebbe il versetto "Super thronos viginti quatuor")
(Sì, non sono normale)

(Questo è il centesimo post!)

5 commenti :

  1. Ahahahahahaha.

    Auguri per i 100.

    ImpiegataSclerata

    RispondiElimina
  2. Suvvia, non farmi di queste citazioni complicate.

    In fondo, lavori in una ... aher... casa editrice.

    RispondiElimina
  3. Hai presente quella del Pendolo di Foucault?

    RispondiElimina
  4. Vagamente (ammetto, l'ho cercato su Google: e ho trovato un alberghetto cariiiiino a Senigallia).

    Ma se le citazioni le fai a me che son (ero?) metalmeccanico, amen.

    Se le fai ad una collega che lavora in una casa editrice, è cattiveria...

    RispondiElimina
  5. Secondo me la citazione non la capirebbe nessuno.
    Dovrebbero collegare il versetto al fatto che la stanza è piena di libri ma chiusa a chiave (e quasi nessuno sa dove è la chiave).
    (Io e il mio senso dell'umorismo autoreferenziale)
    Comunque non ho appiccicato il cartello alla porta solo perché non ho trovato un font abbastanza gotico per scrivere il versetto.

    RispondiElimina